Il museo dei pupi siciliani - Terra Surti
51052
post-template-default,single,single-post,postid-51052,single-format-standard,edgt-core-1.3.1,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor child-child-ver-1.0.1,vigor-ver-3.0.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Il museo dei pupi siciliani

Il museo dei pupi siciliani

Periodo: tutto l’anno

Un luogo in cui sono conservati le tradizioni popolari … il teatro prezioso della nostra storia. Nel maggio 2001, l’opera dei pupi è stata proclamata dall’UNESCO Capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità.

Il museo custodisce al suo interno, i bellissimi pupi della collezione che appartenne a Don Ignazio Puglisi, artista che dipingeva personalmente le tele che facevano da sfondo alle sue rappresentazioni. L’Unesco il 18 maggio 2001 ha dichiarato questa tradizione “Patrimonio Immateriale dell’Umanità”, un tesoro culturale fatto di storie tramandate oralmente, di tecniche artigianali, di immaginario e di uomini. Si possono ammirare più di trenta Pupi, inseriti in diverse scene, ed il caratteristico teatrino dell’ Opera dei Pupi, in un percorso fra musica, giochi di luce, oggetti d’altri tempi ci fa rivivere un viaggio nel passato.

Il Museo dell’Opera dei Pupi prende corpo dalla storia e dal patrimonio della famiglia Puglisi, pupari da cinque generazioni: una famiglia di opranti che ha visto nascere, svilupparsi, tramontare e poi rinascere l’opera dei pupi, oggi localmente attiva grazie al lavoro di riproposta del nipote di don Ignazio, Ignazio Manlio. Don Ignazio fu il più famoso esponente della famiglia; nacque a Ragusa nel 1904, imparò il mestiere dal padre – seguendolo sin da piccolo nel suo peregrinare alla ricerca di pubblico.

No Comments

Post a Comment